Per offrirti il migliore servizio possibile questo sito utilizza cookies. Cookie Policy & Privacy Policy

icon drop
Home / Blog / SEO / Analisi SEO: cosa fare e come affrontare correttamente l'analisi SEO / Monitoraggio SEO: l'importanza dell'analisi per una strategia efficace

Monitoraggio SEO: l'importanza dell'analisi per una strategia efficace

La SEO – Search Engine Optimization – è la branca del web marketing che si occupa del posizionamento del sito sui motori di ricerca e va affidata ad una agenzia web seria e affidabile. Posizionare il sito ai primi posti su Google significa studiare strategie e tattiche ad hoc e tutto parte dal monitoraggio SEO: ogni agenzia web conosce l’importanza dell’analisi per una strategia efficace.

Il monitoraggio SEO, anche chiamato SEO Audit, è la fotografia dello stato di salute di un sito web e permette di identificare criticità e punti di debolezza per migliorare il posizionamento online e l’esperienza di navigazione dell’utente. Al termine dell’analisi viene redatto un documento o report per il cliente, che spiega nel dettaglio le problematiche riscontrate sul sito e offre le migliori soluzioni tecniche.

Fare il monitoraggio del sito web e l’analisi SEO è fondamentale per ogni tipologia di sito, dall’eCommerce al sito vetrina e si consiglia di fare un SEO Audit approfondito quando si crea il nuovo sito web o si fa il restyling.

SEO audit e analisi SEO

I punti fondamentali del monitoraggio SEO o SEO Audit

Quando l’agenzia web crea un SEO Audit lo fa seguendo alcuni punti, vediamo quali sono gli aspetti più importanti da tenere in considerazione.

1. Presenza sul web

In questa fase gli specialisti SEO di Grazioli Design verificano le pagine indicizzate dal motore di ricerca con il comando site: in modo da controllare che non ci siano risultati anomali, indice che il sito web è stato hackerato. Si tratta anche di verificare la presenza di domini o sottodomini che richiedono una gestione ad hoc.

2. Analisi dei competitor

A questo punto è importante analizzare il posizionamento dei competitor e per questo prima di effettuare il SEO Audit Grazioli Design chiede al cliente la lista dei principali competitor in modo da studiare la migliore strategia per le campagne di ottimizzazione.

3. Analisi del link profile

Un monitoraggio SEO che si rispetti comprende l’analisi dei backlink per capire la popolarità e autorevolezza del sito, ma anche individuare link spam. Per questo Grazioli Design usa strumenti adeguati come Majestic, Ahrefs o SEMrush.

Architettura o struttura sito web

SEO Audit: l’architettura del sito web

Successivamente il SEO Audit continua analizzando l’architettura del sito web e in particolare si presta attenzione ai seguenti elementi:

1. Alberatura:

comprende la struttura gerarchica delle sezioni del sito dalla Homepage alle diverse categorie e sottocategorie. Una buona alberatura fa capire a Google l’argomento del sito e il consiglio è quello di creare un sito web in cui l’utente con pochi click possa ottenere tutte le informazioni di cui ha bisogno. In questa fase Grazioli Design usa tool dedicati come Screaming Frog, a cui affianca la navigazione manuale del sito prestando attenzione particolare a breadcrumbs e URL.

2. Struttura URL:

le URL devono riflettere la struttura del sito e la sua suddivisione in categorie e sottocategorie. Il consiglio è quello d creare URL brevi, facili da copiare, condividere ed embeddare e che contengano la keyword principale della pagina web.

3. Menu di navigazione:

questo è il primo elemento visuale con cui l’utente che visita il sito si confronta e per questo è importante che includa solo le pagine principali, per non creare confusione. Nel caso di siti molto articolati si possono trovare altre soluzioni di navigazione per ridurre il numero di click, come il menu overlay. In ogni caso le voci del menu devono essere chiare, rappresentative e descrivere in modo accurato il contenuto.

4. Href lang:

in caso di sito web multilingue questo aspetto va segnalato al motore di ricerca usando il markup hreflang, attributo da inserire nel codice di tutte le pagine con una traduzione. Gestire correttamente questo metatag permette al sito e all’azienda di entrare nei mercati esteri e la corretta implementazione può essere verificata dal codice sorgente della pagina web.

5. Paginazione:

gli elementi link rel="next" e rel="prev" servono per indicare la relazione tra le singole URL di un sito web. Si tratta di un markup che permette a Google di ordinare le pagine in sequenza logica ed è fondamentale per i siti web con articoli e pagine di categoria. Grazie alla paginazione Google indicizza meglio le pagine e sceglie quella che rappresenta nel modo migliore il search intent dell’utente.

6. Errori 404:

la pagina che non esiste invia un errore 404 ed è importante trovare e correggere i link non funzionanti del sito. Per trovare i broken links si può usare Google Search Console o Screaming Frog. In questo caso Grazioli Design consiglia di creare una pagina 404 personalizzata da usare al posto di quella standard.

User friendly e usabilità sito web

L’importanza dell’usabilità del sito web

Oltre all’Audit tecnico, è importante anche ai fini SEO prestare attenzione all’usabilità del sito web, dato che i motori di ricerca premiano i siti veloci, accessibili e responsive. Tra gli elementi a cui prestare attenzione ci sono:

  • Tempi di caricamento: si tratta di un fattore importante sia per il posizionamento sui motori di ricerca, sia per l’usabilità del sito dato che la velocità impatta sulla User Experience o UX. Le pagine lente hanno tassi di bounce rate elevati e minori conversioni. Per analizzare la velocità del sito Grazioli Design usa Page Speed Insight e GT Metrix;
  • Sito mobile & responsive: oggi più che mai dopo l’introduzione del “Mobile First Indexing” da parte di Google è importante verificare che il sito sia mobile e responsive. In questo caso il test di Google per i dispositivi mobili include usabilità, configurazione dei plug in e dimensione degli elementi. Il consiglio è quello di controllare sempre la visualizzazione delle pagine per capire se da mobile il menu funziona male, si usano in modo spropositato gli spazi bianchi o si riscontra la presenza di testo sovrapposto alle immagini.

Meta tags e contenuti sito web

Meta tag e contenuti

La parte finale del monitoraggio SEO riguarda l’ottimizzazione di meta tag e contenuti, che devono essere univoci, originali e contenere le keyword per cui si vuole ottimizzare il sito e la pagina web. In particolare, Grazioli presta grande attenzione ai meta tag title e description, che permettono al motore di ricerca di capire l’argomento del sito e della pagina web.

Ottimizzare questi elementi, che compaiono nella SERP, significa anticipare al visitatore ciò che troverà sul sito. Per questo un meta title e description efficaci sono brevi, completi e contengono le parole chiave ma anche una CTA per far capire all’utente qual è l’azione desiderata da compiere. Inoltre è bene completare questi tag con un testo della lunghezza adatta, altrimenti il motore di ricerca taglia i caratteri che eccedono il limite consentito.

Conclusioni 

Fare SEO senza un adeguato monitoraggio significa non ottenere risultati e sprecare tempo e risorse. Per questo prima di proporre strategie e tecniche al cliente, Grazioli Design inizia il suo lavoro dal SEO Audit per evidenziare criticità e problemi del sito e risolvere eventuali punti di debolezza dal punto di vista tecnico, dell’architettura e dei contenuti.

Essere presenti online con un sito efficace e che si fa trovare per le keyword connesse ad un determinato settore di business è l’unico modo per trovare sempre nuovi clienti, distinguersi dalla concorrenza e ottenere risultati in termini di conversioni, vendite e fatturato nel breve, medio e lungo periodo. Investire in SEO senza analisi e monitoraggio è tempo perso e per questo se vuoi ottimizzare il tuo sito web ti invitiamo a contattarci per un preventivo senza impegno.

Chiara Mastroleo

Autore: Chiara Mastroleo

Chiara Mastroleo, SEO SPECIALIST e consulente Grazioli Design, si occupa di redigere strategie e contenuti per ottimizzare il posizionamento dei siti web dei suoi clienti con... Aggressivity
 

Altri articoli

SEO e CRO: due discipline complementari per fare marketing

Quali sono le metriche SEO da tenere in considerazione?

top
TOP